L'Eucarestia. Il massimo dono di Dio per noi.

Risultati della ricerca

Leggi il Numero 12 - Gennaio 2015

E' disponibile il nuovo numero di "Incontro per una Chiesa Viva", il periodico della Comunità ecclesiale di Ravello diretto da Mons. Giuseppe Imperato.

L'edizione di gennaio si apre con il forte appello del Papa contro tutte le forme di schiavitù, nel contesto della Solennità di Capodanno.

Ampio spazio è dedicato alla cronaca natalizia, che ruota intorno al trinomio Fede, Cultura e Tradizione e sintetizza i momenti principali del natale ravellese.

Nell'anno dedicato alla Vita Consacrata, viene pubblicata la I parte di una profonda riflessione sul progetto della Vita Consacrata di Papa Francesco, a firma di P. Bonaventura Gargano, del quale la comunità ravellese ha condiviso la gioia per i 25 anni di vita sacerdotale, celebrati in Duomo lo scorso 8 dicembre, Solennità dell'Immacolata. Continua la lettura

button_details 

Leggi il Numero 1 - Febbraio 2015

Con l'edizione di febbraio 2015 (scaricabile a lato), il mensile, inaugurato nel mese di febbraio del 2005, in occasione del XVII centenario del martirio del santo patrono Pantaleone, giunge all'undicesimo anno di vita.

Il tema di prima pagina è dedicato al valore della paternità, illustrato attraverso le forti e incisive riflessioni di Papa Francesco.

Dal magistero quotidiano del Santo Padre, che si traduce nelle semplici ma penetranti omelie della Messa in Santa Marta, si riporta una pagina attualissima relativa all'esigenza di una pastorale unitaria che vinca la tentazione della "privatizzazione della salvezza".

Al tema per la Giornata della Vita, che si celebra la prima domenica di febbraio, ci richiama il messaggio della CEI sul tema "Solidali per la Vita".

button_details 

Leggi il Numero 2 - Marzo 2015

E' disponibile il nuovo numero di "Incontro per una Chiesa Viva", il periodico della Comunità ecclesiale di Ravello diretto da Mons. Giuseppe Imperato.

Il tema di prima pagina dell'edizione di marzo (scaricabile a lato) è dedicato al messaggio per la Quaresima del sacerdote Massimiliano Palinuro, missionario in Turchia e parroco della Cattedrale di Smirne.

La Quaresima è anche oggetto della Lettera di Don Silvio Longobardi, fondatore della Fraternità di Emmaus, di cui si pubblicano alcuni stralci.

La riflessione sull'impegno quaresimale dei cristiani è proposta anche dal Prof. Roberto Palumbo. Un'altra tappa non secondaria di questo tempo è la catechesi eucaristica e l'adorazione del mistero centrale della fede: la presenza reale di Cristo nell'Eucaristia.

La catechista Giulia Schiavo tratta dell'importanza dei centri d'ascolto che nel tempo quaresimale si svolgono in alcune famiglie per il comune rinnovamento spirituale.

button_details 

10 Dicembre 2017: Ravello fa memoria della Compatrona Santa Barbara

Segui la diretta facebook Ravello in Festa.

La comunità ecclesiale di Ravello si appresta a celebrare la memoria liturgica di Santa Barbara da Nicomedia, Vergine e Martire, compatrona della città. Una figura venerata per antica tradizione popolare e sempre presente nella storia religiosa di Ravello, come attestano le numerose testimonianze documentarie e artistiche.

La presenza del culto di Santa Barbara a Ravello risale, infatti, almeno all’epoca del vescovo Costantino Rogadeo (1094 - 1150), quando una reliquia della martire, recante il sigillo del presule, veniva riposta, insieme a quelle di altri santi, nell’altare maggiore della chiesa parrocchiale di San Pantaleone, nella Piazza di Sant’Adiutore, l’odierna Piazza Fontana.

button_details 

25 Luglio: VOENA Children's Choir nel Duomo di Ravello

Venerdì 25 luglio alle ore 21.00 il Duomo di Ravello accoglierà il coro VOENA diretto dal M° Annabelle Marie. VOENA è un'esperienza musicale multi-culturale ed etnica che reinventa il concetto tradizionale di "Coro" nella stessa maniera in cui il "Cirque du Soleil" ridefinisce il concetto di "Circo". La Fondatrice e Direttrice Annabelle Marie sta cambiando lo scenario tradizionale ricreando in maniera nuova, vivace e contagiosa le performances del suo Coro di bambini. I giovanissimi e appassionati cantanti di età compresa tra i 6  e i 18 anni si esibiscono  in originali ed accattivanti arrangiamenti vocali dai ritmi contagiosi e dai momenti teatrali incantevoli. 

button_details 

26 - 27 Luglio: Ravello è in festa con lo Storico Premiato Gran Concerto Bandistico “Città di Conversano”

Lo Storico Premiato Gran Concerto Bandistico "Giuseppe Piantoni - Città di Conversano" (BA) allieterà le giornate festive (26 e 27 luglio) in onore del santo patrono. Una grande realtà musicale del XVIII secolo che, nel solco di una plurisecolare tradizione musicale, nel nome dell'indimenticato Direttore-Musicista-Compositore M° Giuseppe Piantoni, quest'anno celebra la stagione artistica numero 220.

Confermata per la Stagione 2019 la direzione del complesso orchestrale, affidata al ben noto Maestro Susanna Pescetti, docente presso il Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia, e apprezzato in tutto il mondo.

La Città della Musica accoglie lo Storico Premiato Gran Concerto Bandistico "Giuseppe Piantoni - Città di Conversano" (BA), certa del valore artistico e dell'offerta di grande musica che il complesso orchestrale saprà donare a tutti gli appassionati cultori dell'antica arte candistica 

Ravello è in festa. Si accende ancora una volta la magia di una tradizione secolare.

button_details 

26 - 27 Luglio: Ravello in Festa con il Classico Gran Concerto Musicale “Città di Francavilla Fontana” (BR).

Il Classico Gran Concerto Musicale “Città di Francavilla Fontana” (BR) animerà le giornate festive (26 e 27 luglio) in onore del santo patrono. Una grande realtà musicale, nata nell’Ottocento e poi ricostituita nel 1958, che è legata alla storia della città e che ha avuto nella sua storia illustri maestri concertatori e direttori fra i quali spiccano i nomi di Lufrano, Maglietta e Ligonzo.

Confermata per la Stagione 2016 la direzione del complesso orchestrale, affidata al ben noto Maestro Ermir Krantja, Direttore d’Orchestra della Radio Televisione Albanese e del Teatro dell’Opera di Tirana, le cui benemerenze riportate in Turchia, Grecia, Macedonia, Serbia ed in numerosissime città italiane sono testimonianza di prestigio e garanzia artistica. Continua la lettura...

 

button_details 

26 e 27 LUGLIO 2019: RAVELLO CELEBRA IL SUO SANTO PATRONO

Segui la diretta facebook Ravello in Festa.

17 - 25 Luglio – Novenario

Ore 19.00: Rosario e Coroncina di San Pantaleone

Ore 19.30: Santa Messa.

23 Luglio:

Santa Messa celebrata da S.E. Mons. Orazio Soricelli, Arcivescovo di Amalfi – Cava de’Tirreni, con testimonianze del dott. Giuseppe Longo, Direttore Generale Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno, e del prof. Carmine Vecchione, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Salerno.

24 Luglio:

Ore 18.00: Rosario, Coroncina di San Pantaleone e Santa Messa.

Ore 19.00 – Duomo di Ravello: “Ravelli Pignus Optimum”. Presentazione ristampa anastatica della prima edizione della “Vita del glorioso Martire S. Pantaleone medico, protettore della Città di Ravello, per D. Ferdinando Mansi, Roma, 1857”, dall’esemplare conservato presso la Biblioteca Vallicelliana di Roma, a cura di: Comune di Ravello, Parrocchia Santa Maria Assunta e Associazione “Ravello Nostra”.

Ore 20.00 – Duomo di Ravello: “Le note di Sigilgaida”. Concerto d’organo di Bernard Foccroulle, a cura della Fondazione Ravello.

 

25 Luglio:

Presidio Ospedaliero “Costa d’Amalfi”: Open Day Total Prevention, a cura di: Comune di Ravello, Associazione “Avrò Cura di Te”, Parrocchia Santa Maria Assunta.

Ore 15.00 – 18.00: “Nel segno di Pantaleone da Nicomedia”. Visite mediche gratuite nelle seguenti specializzazioni: Broncopneumologia, Cardiologia, Diabetologia, Ecografia, Ematologia, Endocrinologia, Flebologia, Ginecologia, Pediatria, Senologia.

Prenotazione obbligatoria al numero 3393295417 (dott.ssa Tiziana Bardaro).

 

Piazza Duomo - ore 15.00 – 18.00: Corso BLS – D, a cura dell’Associazione GIVI di Battipaglia.

Ore 19.00: Rosario e Coroncina di San Pantaleone.

Ore 19.30: Santa Messa a chiusura del Novenario e canto del Te Deum. Testimonianza del Prof. Giancarlo  Accarino, Direttore SC di Chirurgia Vascolare e Capo Dipartimento Torre del Cuore AOU Salerno.

Ore 21.00 – Piazza Duomo: “Nino Buonocore in Jazz”, a cura del Comune di Ravello.

26 LUGLIO: VIGILIA FESTIVA

Ore 08.30: Lo Storico Premiato Gran Concerto Bandistico “Città di Conversano” (BA), diretto dal M° Susanna Pescetti, darà inizio ai festeggiamenti con marce sinfoniche in Piazza Duomo. Seguirà il giro del paese.

Ore 12.00:   Matinée nei giardini di Villa Rufolo.  

Ore 19.00:   Omaggio al Sacrario dei Caduti.

Ore 20.00: Liturgia della Luce, Annuncio della Festa, Esposizione della statua del Santo Patrono e Canto dei Vespri.

Ore 21.00:  Programma di musica sinfonica ed operistica in Piazza Duomo, artisticamente illuminata dalla ditta “Tecno Service Illuminazioni”.

27 LUGLIO: SOLENNITA’ LITURGICA

Ore 7.30 - 9.00 - 12.00:  Santa Messa Comunitaria.

Ore 10.30: Solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Rev.ma Mons. Orazio Soricelli, Arcivescovo di Amalfi – Cava de’Tirreni.

Ore 12.00:   Matinée in Piazza Duomo.

Ore 19.00:  Messa Vespertina celebrata da S.E. Rev.ma Padre Michele Petruzzelli, Abate dell'Abbazia della SS.Trinità di Cava de' Tirreni, cui seguirà la processione per le vie della paese.

Ore 21.45:  Grande spettacolo pirotecnico curato dalla rinomata ditta dei Cav.ri Giovanni  Boccia, Luigi Nappi e Amodio Di Matteo da Palma Campania (NA).

 

Seguirà uno scelto programma lirico-sinfonico, eseguito dal sullodato Gran Concerto Bandistico “Città di Conversano”, con cui si concluderanno i festeggiamenti.

 


 

button_details 

26 e 27 LUGLIO: RAVELLO CELEBRA IL SUO SANTO PATRONO

Segui la diretta facebook Ravello in Festa.

La festa patronale costituisce ancora oggi per Ravello un momento speciale di preghiera e di gioia. Un’occasione per rinnovare spiritualmente la comunità e per rinsaldare i legami con le origini di una tradizione secolare, che magnifica il “dies natalis” di Pantaleone da Nicomedia, martire e taumaturgo, presente in mezzo a noi attraverso la reliquia del suo sangue.

Il mattino del 26 luglio sarà salutato dallo Storico Premiato Gran Concerto Bandistico “G. Piantoni - Città di Conversano” (BA), diretto dal M° Susanna Pescetti, che darà inizio ai festeggiamenti con l’esecuzione di marce sinfoniche in Piazza Duomo e per le vie del paese. I matinée (ore 12.00) e le esecuzioni serali del 26 (ore 21.00) e 27 luglio (ore 22.15) riproporranno agli appassionati cultori delle orchestre di fiati le più belle pagine sinfoniche ed operistiche.

Alle ore 19.00 il tradizionale omaggio al Sacrario dei Caduti mentre la liturgia della luce e l’esposizione della statua, seguita dal canto dei Vespri (ore 20.00), daranno inizio alle celebrazioni liturgiche patronali.

Le sante messe comunitarie del giorno 27 avranno luogo alle ore 7.30 - 9.00 e alle 12.00 mentre il solenne pontificale delle 10.30 sarà presieduto da S.E. Rev.ma Mons. Orazio Soricelli, Arcivescovo di Amalfi - Cava de'Tirreni. 

In serata, poi, avranno luogo la messa pontificale vespertina (ore 19.00) celebrata da S.E. Rev.ma Padre Michele Petruzzelli, Abate dell'Abbazia della SS.Trinità di Cava de' Tirreni, cui seguirà la processione per le vie della paese mentre il grande spettacolo pirotecnico (ore 21.45), curato dalla rinomata ditta dei Cav.ri Cav. Giovanni Boccia, Luigi Nappi e Admodio Di Matteo da Palma Campania (NA), suggellerà i solenni festeggiamenti che si concluderanno con uno scelto programma lirico-sinfonico.

In questi momenti un’ atmosfera di grande giubilo pervade la comunità ravellese, raccolta nella sua chiesa cattedrale, cuore pulsante della città, attorno all’altare dell’inclito sangue, per cantare di “Pantaleone la Gloria, la Potenza, la Fede”.  Continua la lettura...

button_details 

Calendiravello 2007

 Elvira Santacroce e Teresa Santacroce -Calendiravello 2007, presentato nell'ambito della manifestazione IL PARCO DI VILLA RUFOLO A RAVELLO FRA CONSERVAZIONE E TUTELA, è un affettuoso omaggio alla città di Ravello. Le autrici ringraziano l'Ente Provinciale per il Turismo di Salerno e l'Associazione culturale DUOMO DI RAVELLO

Antologia testi su Ravello, dal Calendario Ravello 2007
Presentazione del calendario 2007 "Calendiravello"

A cura di Teresa Senatore

 

Sulla scia di una lunga esperienza maturata nel campo della
scrittura, le autrici pubblicano per il quarto anno consecutivo un
calendario artistico - letterario a carattere tematico (2004: i
proverbi; 2005: l’asino; 2006: il viaggio). Il 2007 è dedicato a Ravello e riflette la formula, già collaudata
con le precedenti edizioni, volta a creare un prodotto che tratta di un solo argomento attraverso immagini e parole. Pur sviluppando tematiche di rilievo, anche il Calendiravello, fedele al ‘genere’ della pubblicazione, ha carattere popolare; è fruibile meglio di un libro; è visibile quotidianamente per l?intero arco di un anno; inoltre è di agevole consultazione e di piacevole lettura.
È perciò un prodotto alla portata di tutti che arriva direttamente
nelle case e si autopropone come un manifesto o come un messaggio.
Sulla facciata di ogni mese - da gennaio a dicembre 2007 -
campeggiano le illustrazioni, collage di Elvira Santacroce. In basso, poesie inedite della stessa pittrice/scrittrice, ispirate al tema
raffigurato.

 

button_details 

Celebrare la festa patronale

Dopo aver celebrato la festa del patrocinio (lunedì in albis) e la Traslazione della reliquia del sangue di San Pantaleone (nella terza domenica di maggio), la nostra comunità ecclesiale, nel solco della tradizione e con esultante letizia, si approssima a celebrare la solennità liturgica del martirio del celeste patrono, massima espressione della fede cristiana del nostro popolo e occasione propizia per ravvivare e consolidare la nostra adesione a Cristo Signore.

Agli albori del Cristianesimo, nel fervore degli inizi, il primo testo catechesi dei discepoli di Cristo, la “Didachè”, raccomandava: “Cercate ogni giorno il volto dei santi e traete conforto dai loro discorsi”. In un tempo segnato da grandi cambiamenti sociali e culturali con proposte di “valori” e “stili di vita” che sembrano contraddire il nostro essere cristiani, questa esortazione appare ancor più valida.

A 17 secoli dal martirio, che nel suo significato etimologico significa “testimonianza”, San Pantaleone, nel prodigio del suo sangue che si ravviva e ribolle, ci narra la storia del suo totale e intrepido “Sì” a Dio e ci conferma nella convinzione che, oggi come ieri, il cristiano è l’uomo coraggioso delle decisioni definitive, illuminate dalla speranza nella trascendente fiducia in Dio che rende eterna la vita spesa nel servizio della verità e dell’amore.

button_details 

Celebrazioni della Settimana Santa

CELEBRAZIONI DELLA SETTIMANA SANTA

Nella Settimana Santa la Chiesa celebra i misteri della salvezza: l’opera della redenzione umana e della perfetta glorificazione di Dio compiuta da Cristo, specialmente negli ultimi giorni della sua vita, per mezzo del mistero pasquale. Egli morendo ha distrutto la morte e risorgendo ha ridato a noi la vita. La Settimana Santa inizia con la domenica delle Palme “della Passione del Signore”,comprende le ferie dal lunedì al giovedì e culmina con il Triduo Pasquale. 
 

Scarica il Programma della Settimana Santa 2014

 

13 APRILE - Domenica delle Palme 

Ore 8.00-19.00: Sante Messe 
Ore 10.15: Benedizione delle Palme a Santa Maria a Gradillo e processione verso il Duomo per la celebrazione della Santa Messa.
 
14 APRILE - Lunedì Santo 
Ore 19.00: Liturgia Penitenziale. 
 
15 APRILE - Martedì Santo 
Ore 18.30: Via Crucis Liturgica per le vie del paese con partenza dalla chiesa di Santa Chiara.  (Per continuare "Vedi i dettagli").

button_details 

cenni storici

cenni storici

Il Cristianesimo pervenne a Ravello, con ogni probabilita', tra il IV e VI secolo dopo Cristo. Furono delle famiglie dell’aristocrazia romana, che per sfuggire alle incursioni barbariche, trovarono sicuro rifugio in questa terra, difesa dai monti e vi annunziarono la buona novella. Come importanti testimonianze della vita cristiana di quei secoli restano, fra gli altri cimeli, si conserva una fronte di sarcofago rappresentante l’adorazione dei Magi, che, per i caratteri stilistici ed iconografici, viene datata al 340 ed e'visibile in villa Rufolo;

button_details 

Chiesa della SS.Annunziata

La storia della chiesa
Era il 1281 quando fu aperta al culto la Chiesa, costruita dalla nobile famiglia dei Fusco e dedicata a Santa Maria Annunziata. E' però probabile che già da alcuni anni fosse in corso la sua costruzione, giacche nel 1277 era nominata nel testamento del ricchissimo Nicola Rufolo.
Nel 1305, un altro nobile ravellese, Leone Acconciaioco, espressamente destinò fondi per costruire la strada di collegamento tra la chiesa dell'Annunziata e la chiesa di San Pietro alla Costa.

button_details 

Chiesa di San Filippo e San Giacomo

Chiesa di San Filippo e San Giacomo

L'Ordine Benedettino ebbe sin dal 900 diffusione sulla costiera; in particolare in Ravello ben tre monasteri vennero fondati con i nomi di SS. Trinità, di San Trifone e di Santa Maria di Castiglione. Quest'ultimo, destinato ad accogliere le donne nobili, sorse qui, sulle pendici del monte Civita, nel secolo X. E ovviamente ebbe la sua Chiesa, anch'essa intitolata a Santa Maria dapprima, poi dal 1453 ai Santi Apostoli Filippo e Giacomo, di cui si celebrava la festa il lo di maggio.
E' quindi molto antica anche la Chiesa: è ciò che testi- moniano la torre campanaria con la sua poderosa struttura medioevale e i muri esterni delle absidi, uno dei quali è unito al campanile per un lato.

 

button_details 

Chiesa di San Francesco

Zeppa di avvenimenti e di mutevole sorte è la vita di que sta Chiesa che si trova a prendere parte alle più travagliate vicissitudini del Convento cui è annessa.
Nacque con il monumentale complesso verso la fine del XIII secolo, sul dosso di un piano detto di Ponticeto, nel luogo medesimo ove esisteva un'altra chiesa dedicata a San Giovanni Battista. La tradizione vuole che la fondazione sia da attribuire al Santo di Assisi, che transitò per Ravello nel 1222 diretto ad Amalfi per venerare le spoglie di Sant' Andrea apostolo.
In origine la Chiesa era di stile gotico a tre navate e otto cappelle: dell ' antica struttura conserva il transetto e l' abside a volte ogivali.

 la biblioteca

button_details 

Chiesa di Santa Maria a Gradillo

Si presenta come una basilica a tre navate, separate da tre colonne per parti, che sorreggono archi acuti su alto piedritto, transetto sopraelevato tre absidi semicircolari. La navata centrale è coperta da tetto a capriate; le laterali da volte a crociera estradossate. La cupola, su slanciato tamburo, s'innalza sulla campata centrale del transetto, fiancheggiata da due volte a crociera estradossata. All'esterno, la facciata tripartita presenta tre porte con lunette arhiacute; la centrale ha per architrave un frammento di cornice classica sostenuta da cornice di stipiti di marmo.

  ESTERNOgradillo

  •  ALTAREgradillo
  •  ESTERNOgradillo
  •  INTERNOGradillo

button_details 

Chiesa di Santa Maria della Rotonda

Chiesa di Santa Maria della Rotonda

La storia della chiesa di Santa Maria della Rotonda
Nel 1249 è documentata l'esistenza sul monte Rotondo della Chiesa, in atto di vendita di terreni della famiglia Grisone. Essa aveva altra struttura, forse bizantina. Risulta già in cattive condizioni nelle cronache del 1607 .
Nel xvm secolo venne rifatta e abbellita dalle decora- zioni barocche che ancora sussistono.
Alla fine del 1800 fu rimessa a nuovo dal già nominato Carlo De Julis.

 

button_details 

CLAUDIO GUGEROTTI (7 Dicembre 2001)

CLAUDIO GUGEROTTI (7 Dicembre 2001)

Mons. Claudio Gugerotti nacque a Verona il 7 ottobre 1955. Dopo gli studi classici, ottenne la Laurea in lingue e Letterature Orientali presso l'Università "Ca' Foscari" di Venezia. Terminato il corso filosofico-teologico presso la Facoltà Teologica di Milano, Sezione del Seminario di Padova, fu ordinato sacerdote nella cattedrale di Verona il 27
maggio 1982, emesse nel 1980, le promesse giurate perpetue nella Società di Vita Apostolica "Pia Società di Don Nicola Mazza", istituto di origine veronese dedito alla cura pastorale, accademica e materiale di studenti poveri e capaci. Conseguì in seguito la Licenza in Sacra Liturgia e il Dottorato in Scienze Ecclesiastiche Orientali.

button_details 

CRONOTASSI DEI VESCOVI DELLA DIOCESI DI RAVELLO

 Vescovi

Diocesi diRavello 1086-1603

Ravello-Scala 1603-1818

CRONOTASSI DEI VESCOVI DELLA DIOCESI DI RAVELLO
dalle ORIGINI (1086) fino ALL'UNIFICAZIONE delle DIOCESl (1818)

Nei primi secoli, i Vescovi che ressero la diocesi di Ravello furono di origine ravellese, appartenenti a famiglie del patriziato urbano.Ciò evidenzia il carattere molto municipalizzato della Chiesa. Per la cronologia si segue quella dataci da L. Mansi, primo storiografo della chiesa ravellese , tenendo presenti anche Ughelli, Eubel e Gams.

1 -ORSO PAPICE, O, S. B. (1086- + 1094)
2 -COSTANTINO ROGADEO (1094-+ 1150)
3 -GIOVANNI RUF(F)OLO (1150- + 1209)
4 -PANTALEONE PIRONTI (1210 o 1212 -+ 1220)
5 -LEONE ROGADEO (1220 -+ 1229)
6 -PIETRO DI DURAZZO, O. S. B. (già vescovo nel 1275 -+ 1284)
7 -TOLOMEO Or. Erem. S. Agostino (2 marzo 1286 -+ 1290)
8 -GIOVANNI ALLEGRI (29 settembre 1291 -+ lO novembre 1330 o 1322 o 1332)
9 -FRANCESCO CASTALDO, O. S. B. (23 ottobre 1321 o 1332 o 1333 - + 4 giugno 1362)
10 -SERGIO GRISONE (24 luglio 1363 -trasferito nel 1379)
11-ROBERTO RUFFO, O. S. B. (1379 circa -+ 1385 circa)
12 -BORARDO HOXTER (DE HOXARIA) O. Erem. S. Ag. (6 agosto 1385 -+ 1397)
13 -ANDREA FUSCO (29 maggio 1397 -trasferito 1400)
14 -PELLEGRINO RUFOLO (9 o 13 aprile 1400 -+ 1401)
15 -LUDOVICO APPENDITANO (2 luglio o 20 giugno 1401 -+ 1407)
16- NICOLA DE DONCELLIS (1409 -fu rimosso nel 1413 o verso 1416)
17 -ESTORE o ASTORGIO AGNESE (15 febbraio o il 1 marzo 1413 -trasferito nel 1418)
18 -MARTINO DE GRONIANO (o DI GRAGNANO) (1418)
19 -BENEDETTO DE PARADOSSO (16 febbraio 1418 -+ 1427 circa)
20 -FRA GIOVANNI (1427 o 1429 -+ 1429 circa)
21 -GOFFREDO DE PORTERIIS (o DE PORCARIIS) (17 marzo 1432 o il 16 novembre 1429 -+ o trasferito)
22 -FRA LORENZO DA NAPOLI, O.F.M. (? -trasferito il ?)
23 -LORENZO DE RICCO (18 febbraio 1435 o 1436 o 1439 -dimissionario nel 1455)
24 -NICOLA CAMPANILE (9 o 13 giugno 1455 -+ 1456) .
25 -DOMENICO MERCARI (o MERCURIO), O. P. (8 o 18 marzo 1456 -+ 1489)
26 -COSMA SETARIO (17 luglio 1489 -+ 7 ottobre 1506)
27 -FRANCESCO LAVELLO, O. Cart. (14 ottobre o 4 novembre 1506 -+ 1507)
28 -NICOLA N. (+ 1509)
29 -GODESCALCO DE LA PATARA (27 aprile 1509 -+ 1528)
30 -SERENO ASTORI (DE ASTORIIS), Can. Reg. S. Ag. (10 luglio 1528 -+ 1528)
31 -FRA BERNARDINO DI SORIA, O. F. M. Osso (23 febbraio 1529 - dimissionario e trasferito nel 1536)
32 -Cardo FRANCESCO QUIGNONE (QUINGONES seu S. Crucis) (amministratore 2 giugno 1536 -dimissionario nel 1537)
33 -ANTONIO LUNELLO (13 giugno 1537 -trasferito 1541)
34 -GIOVANNI MO(HE)DANO (lO o 19 gennaio 1541 -+ 1549)
35 -LUDOVICO BECCATELLO (27 maggio 1549 -trasferito il 18 settembre 1555)
36 -ERCOLE TAMBOSI (o TOMBESIO o COMBESIO), O.S.B. (18 o 19 settembre 1555 -+ 1570)
37 -PAOLO FUSCO (25 settembre 1570 -trasferito nel 1578)
38 -EMILIO SCATARATICA (17 marzo 1578 -+ Il novembre 1590)
39 -PAOLO DE CURTIS, O. Teat. (26 aprile 1591 -trasferito nel 1600)
40 -ANTONIO DE FRANCHIS (31 luglio 1600 -trasferito nel 1603)
41 -FRANCESCO BENNIO (1603 -+ 19 gennaio 1617)
42 -FRA MICHELE BONSIO, O.F.M. Osso (13 marzo 1617 -+ 1623)
43 -ONOFRIO (DA) VERME (29 lugilo 1624 -dimissionario o + 1637)
44 -CELESTINO PUCCITELLI Congreg. Barnab. (17 agosto 1637 -+ 14 settembre 1641)
45 -BERNARDINO PAN(N)ICOLA (15 dicembre 1642 -+ 10 nov. 1666)
46 -GIUSEPPE SAGGESE (16 marzo 1667 -8 febbraio 1694)
47 -LUIGI CAPUANO (o LUDOVICO DE CAPUA) (1 o 15 marzo 1694 - trasferito il 14 dicembre 1705)
48 -NICQLA R(U)OCCO (22 febbraio 1706 -trasferito il 21 febbraio 1707)
49 -GIUSEPPE MARIA PER(R)IMEZZI, O. Minimi (11 aprile 1707 - trasferito il 1O gennaio o il 26 febbraio 1714)
50 -NICOLA GUERRIERO (6 aprile 1718 -+ nell'aprile del 1732)
51 -ANTONIO MARIA SANTORO, O. Minimi (9 giu. 1732 -lO magg. 1741)
52 -BIAGIO CHIARELLI (26 novembre 1742 -+ 12 o 31 maggio 1765)
53 -MICHELE TAF(F)URI (5 agosto 1765 -trasferito il 1 giugno 1778)
54 -FRA NICOLA MOLINARI, O.F.M. Capp. (1 giugno 1778 -trasferito il 15 dicembre 1783)
55 -FRA SILVESTRO MICCU', O.F.M. Osso (27 febbraio 1792 - trasferito ad Amalfi il 29 ottobre 1804)


I vescovi titolari

1- LUIGI DARDANI (28 aprile 1969- 12 marzo 1974)
2- GIACOMO BARABINO (25 maggio 1974 - 7 dicembre 1988 )
3- GIOVANNI MARRA (14 Novembre 1989 - 21 Giugno 1997)
4-HANS SCHWEMMER (10 luglio 1997- 30 settembre 2001)
5- CLAUDIO GUGEROTTI (7 Dicembre 2001) ...

button_details 

Indietro

Campania>artecard

Museo Duomo


Trip Advisor: Duomo di Ravello

 Duomo di Ravello

 

 


Don Angelo Mansi
Piazza Duomo
Ravello (SA)
cell: 3667013670
tel / fax: 089 858311
mail: donangelo@alice.it

Segreteria
segreteria@chiesaravello.com