L'Eucarestia. Il massimo dono di Dio per noi.

Vangelo di Domenica 24 Dicembre 2017

Infondi nel nostro spirito la tua grazia, o Padre, tu, che nell'annunzio dell'angelo ci hai rivelato l'incarnazione del tuo Figlio, per la sua passione e la sua croce guidaci alla gloria della risurrezione.

2 Sam 7, 1-5.8-12.14.16

Dal secondo libro di Samuèle

Il re Davide, quando si fu stabilito nella sua casa, e il Signore gli ebbe dato riposo da tutti i suoi nemici all'intorno, disse al profeta Natan: «Vedi, io abito in una casa di cedro, mentre l'arca di Dio sta sotto i teli di una tenda». Natan rispose al re: «Va', fa' quanto hai in cuor tuo, perché il Signore è con te».
Ma quella stessa notte fu rivolta a Natan questa parola del Signore: «Va' e di' al mio servo Davide: "Così dice il Signore: Forse tu mi costruirai una casa, perché io vi abiti? Io ti ho preso dal pascolo, mentre seguivi il gregge, perché tu fossi capo del mio popolo Israele. Sono stato con te dovunque sei andato, ho distrutto tutti i tuoi nemici davanti a te e renderò il tuo nome grande come quello dei grandi che sono sulla terra. Fisserò un luogo per Israele, mio popolo, e ve lo pianterò perché vi abiti e non tremi più e i malfattori non lo opprimano come in passato e come dal giorno in cui avevo stabilito dei giudici sul mio popolo Israele. Ti darò riposo da tutti i tuoi nemici. Il Signore ti annuncia che farà a te una casa.
Quando i tuoi giorni saranno compiuti e tu dormirai con i tuoi padri, io susciterò un tuo discendente dopo di te, uscito dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno. Io sarò per lui padre ed egli sarà per me figlio.
La tua casa e il tuo regno saranno saldi per sempre davanti a me, il tuo trono sarà reso stabile per sempre"».

Sal. 88

RIT: Canterò per sempre l'amore del Signore.

Canterò in eterno l'amore del Signore,
di generazione in generazione
farò conoscere con la mia bocca la tua fedeltà,
perché ho detto: «È un amore edificato per sempre;
nel cielo rendi stabile la tua fedeltà».

«Ho stretto un'alleanza con il mio eletto,
ho giurato a Davide, mio servo.
Stabilirò per sempre la tua discendenza,
di generazione in generazione edificherò il tuo trono».

«Egli mi invocherà: "Tu sei mio padre,
mio Dio e roccia della mia salvezza".
Gli conserverò sempre il mio amore,
la mia alleanza gli sarà fedele».

Rm 16, 25-27

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, a colui che ha il potere di confermarvi nel mio vangelo, che annuncia Gesù Cristo, secondo la rivelazione del mistero, avvolto nel silenzio per secoli eterni, ma ora manifestato mediante le scritture dei Profeti, per ordine dell'eterno Dio, annunciato a tutte le genti perché giungano all'obbedienza della fede, a Dio, che solo è sapiente, per mezzo di Gesù Cristo, la gloria nei secoli. Amen.
 

Lc 1, 26-38

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all'angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l'angelo si allontanò da lei. 

Gesù figlio di Davide

La catechesi evangelica, come anche quella paolina, si preoccupa di affermare chiaramente che Gesù appartiene alla famiglia regale di Davide. In questo modo evidenzia sia la concreta esistenza di Gesù, sia il compimento delle promesse messianiche.

Una casa per Dio

Nel corso dei secoli Israele aveva preso coscienza della propria identità nazionale e insieme religiosa: anzi, la monarchia era parsa la garanzia di una fedeltà al Dio dell’alleanza.

Davide (prima lettura) pensa che la costruzione di una «casa» a Dio propizi in modo definitivo i suoi favori, e lo faccia abitare stabilmente in mezzo al popolo. Ma il profeta di corte è costretto a dirgli che sarà Dio a costruire una casa a Davide, cioè una dinastia che duri per sempre.

Ora, il figlio annunciato a Maria è chiaramente designato come figlio di Davide, poiché Giuseppe, a cui Maria è fidanzata, appartiene alla casa di Davide. Era importante garantire, di fronte agli Ebrei, attraverso l’istituzionalità della successione, il titolo che fonda l’azione dell’inviato di Dio, e, per la fede cristiana, la «verità» umana del Salvatore (cf Rm 1,3).

Durante la sua vita Gesù non si è attribuito volentieri il titolo di «figlio di Davide» (anche se la gente lo acclamava così), per non alimentare un nazionalismo facile e pericoloso. Identificandosi con i «poveri» che attendevano una salvezza spirituale, egli conferma che «la carne non serve a nulla», e che ogni potenza umana non ha consistenza. La sua nascita da una donna vergine (e «segno» è la nascita di Giovanni da una donna anziana e sterile) mette in risalto la forza dell’intervento di Dio (vangelo).

Dio cerca collaboratori

Così dunque, per realizzare il «mistero taciuto per secoli eterni, ma rivelato ora… a tutte le genti» (seconda lettura), Dio si inserisce in un quadro che si è venuto organizzando e modificando nel corso degli anni; e non agisce da solo, ma chiede la collaborazione cosciente e libera della madre, come in seguito farà con gli Apostoli e con tutti i credenti. Ma colui che nasce nella carne come «figlio di Davide» è, per la potenza dello Spirito, costituito e rivelato come «figlio dell’Altissimo»; questa è la fede che la Chiesa riesprime nella sua preghiera: «... all’annunzio dell’angelo ci hai rivelato l’incarnazione del tuo Figlio...» (colletta). «Non dalla carne e dal sangue» egli nasce, ma da Dio; e, analogamente, nascono come figli di Dio quelli che credono in lui.

Per stabilizzare la sua dinastia e per dare un centro al suo popolo, Davide pensa di costruire una casa per mettervi l’arca dell’alleanza (vv. 1-3), ma Iahvè risponde che sarà lui a costruire una casa a Davide (V. 11b). Dio non rifiuta il tempio, ma afferma che l’avvenire del popolo e della dinastia poggerà più sull’alleanza tra Dio e l’uomo che non sul tempio stesso. La reciproca fedeltà fra Dio e l’uomo sarà più importante dei sacrifici del tempio.

Per molto tempo il termine «chiesa» ha significato soltanto un edificio e per molti un luogo da visitare per dovere o per convenzione. «Che cosa mai possono ancora essere queste chiese, se non le tombe ed i monumenti sepolcrali di Dio?» (Nietzsche). Oggi molto è cambiato, ma non è pienamente superata l’idea di una Chiesa che si trincera in potenti « cittadelle di Dio», invece di aprirsi al dialogo e alle relazioni. «Dio non abita in templi costruiti da mano d’uomo» (At 17,24); Dio pone la sua dimora non in edifici, ma negli uomini: «Non sapete che voi siete tempio di Dio e lo Spirito di Dio abita in voi?» (1 Cor 3,16).

Tuttavia l’edificio ecclesiale ha un senso: è uno spazio dove i fedeli si riuniscono per incontrare il Signore e incontrarsi nel Signore. «Il segno del tempio ricapitola ed esprime.., i vari momenti e modi della presenza di Dio in mezzo agli uomini... E il segno visibile dell’unico vero tempio che è il corpo personale di Cristo e il suo corpo mistico, la Chiesa...» (Rito della dedicazione della chiesa, presentazione). E’ dunque un luogo sacro non perché sono sacre le pietre materiali che lo compongono, ma perché sono santi i cristiani che vi si radunano.

La dimora vivente

Dio pone la sua dimora fra gli uomini: le pietre che la costitui­scono sono quelli dei «sì» incondizionato a Dio; Maria ne è la prima pietra viva. Poi Giuseppe, la cui disponibilità al piano di Dio assicurerà al bimbo che nascerà da Maria la discendenza regale dalla stirpe di Davide.

Per il «sì» di persone così umili, povere, attente alla volontà di Dio, Gesù, figlio di Davide, entra nella storia del mondo. Questa è la sua casa, il suo tempio.

 

Magnificat

Dal «Commento su san Luca» di san Beda il Venerabile, sacerdote

(1, 46-55; CCL 120, 37-39)

«Maria disse: L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio Salvatore» (Lc 1, 46). Dice: il Signore mi ha innalzato con un dono così grande e così inaudito che non è possibile esprimerlo con nessun linguaggio: a stento lo può comprendere il cuore nel profondo. Levo quindi un inno di ringraziamento con tutte le forze della mia anima e mi do, con tutto quello che vivo e sento e comprendo, alla contemplazione della grandezza senza fine di Dio, poiché il mio spirito si allieta della eterna divinità di quel medesimo Gesù, cioè del Salvatore, di cui il mio seno è reso fecondo con una concezione temporale.

Perché ha fatto in me cose grandi l'Onnipotente, e santo è il suo nome (cfr. Lc 1, 49). Si ripensi all'inizio del cantico dove è detto: «L'anima mia magnifica il Signore». Davvero solo quell'anima a cui il Signore si è degnato di fare grandi cose può magnificarlo con lode degna ed esortare quanti sono partecipi della medesima promessa e del medesimo disegno di salvezza: Magnificate con me il Signore, esaltiamo insieme il suo nome (cfr. Sal 33, 4). Chi trascurerà di magnificare, per quanto sta in lui, il Signore che ha conosciuto e di santificare il nome, «sarà considerato il minimo nel regno dei cieli» (Mt 5, 19).

Il suo nome poi è detto santo perché con il fastigio della sua singolare potenza trascende ogni creatura ed è di gran lunga al di là di tutto quello che ha fatto.

«Ha soccorso Israele suo servo, ricordandosi della sua misericordia» (Lc 1, 54). Assai bene dice Israele servo del Signore, cioè ubbidiente e umile, perché da lui fu accolto per essere salvato, secondo quanto dice Osea: Israele è mio servo e io l'ho amato (cfr. Os 11, 1). Colui infatti che disdegna di umiliarsi non può certo essere salvato né dire con il profeta: «Ecco, Dio è il mio aiuto, il Signore mi sostiene» (Sal 53, 6) e: «Chiunque diventerà piccolo come un bambino, sarà il più grande nel regno dei cieli» (cfr. Mt 18, 4).

«Come aveva promesso ai nostri padri, ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre» (Lc 1, 55). Si intende la discendenza spirituale, non carnale, di Abramo; sono compresi, cioè, non solo i generati secondo la carne, ma anche coloro che hanno seguito le orme della sua fede, sia nella circoncisione sia nell'incirconcisione. Anche lui credette quando non era circonciso, e gli fu ascritto a giustizia. La venuta del Salvatore fu promessa ad Abramo e alla sua discendenza, cioè ai figli della promessa, ai quali è detto: «Se appartenete a Cristo, allora siete discendenza di Abramo, eredi secondo la promessa» (Gal 3, 29). E' da rivelare poi che le madri, quella del Signore e quella di Giovanni, prevengono profetando la nascita dei figli: e questo è bene perché come il peccato ebbe inizio da una donna, così da donne comincino anche i benefici, e come il mondo ebbe la morte per l'inganno di una donna, così da due donne, che a gara profetizzano, gli sia restituita la vita.

Il commento di Paolo Curtaz

Stanotte

Domani è Natale.

Così questa quarta domenica quasi salta in cavalleria.

Già il tempo di avvento è decisamente breve. Dalla metà di dicembre, poi, si entra in fibrillazione per il delirio dei regali. Provate a farvi un giro in centro. E, allora, quel poco di preparazione spirituale che ci eravamo ripromessi di fare, viene messa in fondo, per ultima.

Anche le parrocchie si fanno prendere dall’agitazione: le prove del coro, la recita dei bambini del catechismo, il presepe vivente…

Meno male che arriva Maria a darci qualche consiglio.

L’abbiamo già incontrata durante l’inizio del percorso, sottolineando, durante la festa dell’Immacolata, il suo cuore spalancato all’assoluto di Dio, rimarcando quel si che permette a me, oggi, di conoscere Dio.

Quante volte, davanti a Dio che bussa alla porta della nostra vita, sappiamo solo porre dei no, dei fammici pensare, dei ripassa in un altro momento.

Maria, invece, fa della sua vita un sì allo stupore, all’inatteso, all’irrompere dell’anima…

Ed oggi, nuovamente, a poche ore dalla notte, rileggiamo quel vangelo.

Da dove è iniziato tutto.

Da quella piccola adolescente, probabilmente anch’essa di discendenza davidica come il suo amato sposo, che realizza la promessa fatta al re Davide.

Davide

Davide, ormai invecchiato e intristito dalle vicende della vita, vede il suo formidabile Regno percorso da spinte secessioniste. L’erede al trono è stato ucciso dal fratello, a sua volta ucciso durante una battaglia dall’esercito di Davide. Il terzogenito sarà a sua volta ucciso da Bersabea, che vuole mettere sul trono il figlio Salomone. Così accadrà e Davide teme di non vedere più nessun suo discendente a governare su Israele. Decide di costruire un tempio al Dio che lo ha fatto tanto crescere e Natan, profeta di corte, lo ferma: non sarà il re a costruire una casa, ma Dio gli costruirà una discendenza.

Così sarà.

Nonostante tutto, dopo l’esilio in Babilonia, la casa di Davide scomparirà, ma sarà un suo discendente, il figlio di Giuseppe di Betlemme, a prendere il suo posto. Jeshua il nazoreo salirà sul trono di Davide. Ma non come si aspetta il grande re.

È sempre Dio che prende l’iniziativa.

È sempre lui che ci viene incontro, che si fa vicino, che nasce in noi. Mai come ce lo aspetteremmo.

Concretezze

Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché io non conosco uomo?». (Lc 1,34)

Sono le prime parole di Maria. E sono come un treno in corsa.

Spesso l’abbiamo immaginata intimorita, un’adolescente sussiegosa che ascolta il roboante annuncio del principe degli angeli. Macché, non è affatto così. Maria non è timida, né impacciata.

Mette i brividi vedere come tiene testa a Gabriele, come interagisce con determinazione e lucidità. Le sue prime parole – una richiesta di chiarimento – svelano una donna adulta, una credente intelligente e posata, una persona concreta e con i piedi ben posati per terra.

Come scrive magnificamente Papa Paolo VI: “mai fu la donna passivamente remissiva di una religiosità alienante” (Marialis Cultus, 37).

Guardatela la ragazzina che interroga un ammirato messaggero celeste!

Siate fiere, figlie di Eva, per tanta forza, tanta grazia, tanta audacia!

Imparate, figli di Adamo, da tanta concretezza e determinazione.

Mi piacerebbe tanto sapere cosa Gabriele, la sera, abbia detto ai suoi colleghi angeli, anche lui stupito dall’inattesa reazione di Maria la bella.

L’adolescente che osa, che controbatte, che chiede.

Eppure è così che dobbiamo fare. È questo l’atteggiamento che deve assumere il credente.

Il Dio che si racconta nella Bibbia, quello definitivamente svelato in Gesù è un Dio che non tratta gli uomini come servi (Gv 15,15), ma come figli, che li pone alla pari (Sal 8,5-6), che accetta di farsi mettere in discussione (Gen 18).

Incontrando Dio scopriamo la nostra dignità, capiamo il nostro destino, definiamo la nostra misura.

Maria sta con i piedi ben piantati in terra.

Come è possibile?

Soluzioni

È spiazzato, l’angelo. No, non se l’aspettava proprio una reazione del genere.

Non quella domanda così precisa e puntuale.

La ragazza non si lascia impressionare da ciò che sta accadendo. Va diritta al centro della questione.

Sorride, Gabriele. Ammirato, ne sono certo.

Quanto ci assomiglia, la madre! Anche noi davanti ai grandi progetti di Dio sulla nostra vita, giustamente, pensiamo a come questi influenzeranno e cambieranno le nostre scelte.

Sorride, Gabriele e spiega.

Parla di Spirito Santo, parla di ombra dell’Altissimo, parla di un figlio che ha a che fare con Dio e che di Dio condivide la santità. Che problema c’è? Forse il braccio di Dio si è accorciato? Una volta accettata la folle idea che Dio diventa uomo, è forse un problema se una vergine diventa madre? Davanti all’inaudito di Dio, come non lasciare aperta ogni possibilità?

Ammesso che l’impossibile si è fatto possibile, di cosa stupirsi?

Io credo che Dio si sia fatto uomo. E che lo abbia fatto così come ce lo racconta Luca. Non ho dubbi insormontabili nel credere nell’annunciazione, facendo salvi tutti i legittimi distinguo degli studiosi sui generi letterari e sul rapporto storia/teologia.

Credo. Credo che Dio abbia voluto sporcarsi le mani, farsi conoscere e conoscere.

Ammesso questo, non ho problemi nel credere che una ragazza di quattordici anni possa contenere Dio nel suo grembo.

E ora lo aspetto. Aspetto stanotte. Aspetto che rinasca in me

 

|

Campania>artecard

Museo Duomo


Trip Advisor: Duomo di Ravello

 Duomo di Ravello

 

 


Don Angelo Mansi
Piazza Duomo
Ravello (SA)
cell: 3667013670
tel / fax: 089 858311
mail: donangelo@alice.it

Segreteria
segreteria@chiesaravello.com