L'Eucarestia. Il massimo dono di Dio per noi.

Rufolo

Rufolo

Bandato di rosso e di argento, al capo di rosso con tre gigli d'oro allineati in fascia.
Illustre e potente Casa Ravellese ritenuta primogenie di Publio Rofo Tribuno della plebe e poi Console nel 105 av. Cristo.
In un Sarcofago incastrato ad un muro del Duomo di Amalfi vi è la seguente epigrafe:
HIC INTUS HOMO VERUS CERTUS OPTIMUS
RECUMBO
QUINTUS FABRITIUS RUFUS NOBILIS DECURIO

I Rufolo erano Gabellieri nelle Puglie ed enormente ricchi per il vasto commercio da essi largamente esercitato.
Nicola ed Orsoe Rufolo di Ravello mutarono ingenti somme di danaro a Carlo I d'Angiò. Matteo, figlio di Nicola fu consigliere dello stesso Re Carlo I e secreto e portulano delle Puglie. I Rufolo ed i della Marra si eranoresi arbitri delle dogane di Barletta e Trani ed accumularono così ingentissime ricchezze, esercitando il commercio specialmente di frumento anche per conto del Re.
Vi furono poi Giovanni, vescovo di Ravello (1157-1210); Francesco, vescovo di Nola 1270; Giovanni vescovo di Vico Equenze 1298; Pellegrino vescovo di Ravello 1400; Nicola giureconsulto insigne del quale alcune allegazioni trovansi registrate nel codice di Luca di Penne. Nicolaum Rufum de Ravello legum doctorem, jus civile in Napolitano studio interpretari ac legere.
Carlo nativo di Napoli ed ivi giureconsulto di gran fama, sepolto in San Domenico Maggiore in cui evvi lapide ricordandone la morte avvenuta il 4 agosto 1306.
Questa casa è mensionata nel privilegio a prò della nobiltà di Ravello della regina Giovanna II e fu ascritta al patriziato napoletano del Seggio di Nido
.

|

Campania>artecard

Museo Duomo


Trip Advisor: Duomo di Ravello

 Duomo di Ravello

 

 


Don Angelo Mansi
Piazza Duomo
Ravello (SA)
cell: 3667013670
tel / fax: 089 858311
mail: donangelo@alice.it

Segreteria
segreteria@chiesaravello.com