L'Eucarestia. Il massimo dono di Dio per noi.

PIRONTI

PIRONTI

Di azzurro all'albero di pero naturale; accostato da due leoni controrampanti d'oro.
Di questa casa vi fu Pantaleone vescovo di Ravello (1210-1220) che ottenne per sé e per i suoi successori ampia conferma dalla S. Sede dei privilegi di cui avevano goduto gli altri vescovi ravellesi predecessori.

Di Giordano Pironti, diacono Cardinale dal titolo dei SS Cosimo a Damiano, si parla nel 17 dicembre 1269 come già defunto.
Il collettore del denaro fiscale, presso il giustiziere di Sicilia Citra fu Mauro Pironti di Ravello, sotto re Carlo I; Angelo fu uno dei mutuari della once mille d'oro a re Carlo I D'Angiò nel 1275, ricevendone in pegno la corona reale e da questo Sovrano fu nel 1278 nominato secreto di Puglia, succedendo in tal carica a Giacomo Rufolo pure di Ravello;
Filippo fu giudice annale di Ravello e familiare regio.
Nel 1419 fu annoverata questa famiglia fra le patrizie di Ravelloe nel 1647 vi fu reintegrata.
Con R. Diploma dato a Madrid 24 marzo 1694, esecutoriato in Napoli 30 aprile dello stesso anno, fu concesso all'ill. D Nicola Pironti il titolo di Duca sulla città di Campagna di cui egli era il feudatario, il qual titolo appartiene tutt'ora al primogenito della casa

|

Campania>artecard

Museo Duomo


Trip Advisor: Duomo di Ravello

 Duomo di Ravello

 

 


Don Angelo Mansi
Piazza Duomo
Ravello (SA)
cell: 3667013670
tel / fax: 089 858311
mail: donangelo@alice.it

Segreteria
segreteria@chiesaravello.com